Aggiornato il 23 agosto 2022 da Alex Gentili 

Lo Chief Happiness Officer è il futuro

Si sente parlare sempre più spesso di Chief Happiness Officer. Ma cosa rappresenta questa figura e di cosa si occupa? Se dovessimo riassumerlo in una frase, potremmo dire che lo CHO è colui che svolge una funzione fondamentale all’interno di un’azienda, ovvero quella di trasformarla in organizzazione positiva, rendendola più produttiva e sede di un luogo di lavoro felice.

Ma facciamo un passo alla volta e cerchiamo di capire qual è nello specifico il ruolo dello Chief Happiness Officer.

chi è lo chief happiness officer

Chief Happiness Officer: chi è?

Lo Chief of Happiness Officer è, come dice la parola stessa, il responsabile della felicità. Ma cosa significa tutto ciò? A molti sicuramente sfugge la correlazione tra la figura aziendale tradizionalmente intesa e il concetto di felicità. Da quando, per lavorare e produrre, serve essere felici?

In realtà, tale correlazione è molto più stretta di quanto, a una prima riflessione, si possa pensare. Se i lavoratori non sono soddisfatti, tendono a produrre meno e a innescare una serie di circoli viziosi negativi che difficilmente possono migliorare. A meno che non intervenga qualcuno a ripristinare il benessere aziendale.

Lo CHO si occupa proprio di questo. E il suo ruolo è molto più pratico di quanto si immagini.

La sua figura nasce nei primi anni del 2000 negli Stati Uniti e solo successivamente si diffonde in Europa. Ma se è già dagli anni ’70 che i lavoratori chiedono e pretendono migliori condizioni di lavoro, è solo da una decina d’anni che si parla di well-being management e che tale figura viene riconosciuta in modo univoco come vero e proprio mestiere.

È la danese Valcon ad introdurre per la prima volta in Europa un bilancio della felicità dei propri dipendenti, con misurazioni e analisi legate al benessere dell’ambiente di lavoro.

Chi è lo CHO oggi?

Lo Chief Happiness Officer è un leader positivo che opera per il bene dell’azienda, ovvero:

  • Analizza e valuta l’attuale livello di soddisfazione e di benessere dei lavoratori
  • Individua le politiche per migliorare la situazione lavorativa
  • Crea le condizioni ambientali migliori affinché il suo piano strategico si concretizzi e i diversi team possano esprimere il loro potenziale

Lo Chief of Happiness Officer si occupa dello sviluppo organizzativo dell’azienda, per accompagnarla verso la crescita positiva delle sue persone, del suo team, del suo ambiente.

Qual è il ruolo dello CHO? Possiamo riassumere le sue attività in 3 categorie, che inevitabilmente sono una la conseguenza dell’altra:

  1. Fornisce degli obiettivi migliorativi (per l’azienda) e dei programmi formativi (per i lavoratori), che si concretizzano in:
  2. Potenziare le capacità e gli stimoli dei dipendenti
  3. Creare un sistema culturale ampio, strutturato e orientato al lungo termine

Se è vero che a beneficiare dei suoi risultati sono soprattutto le grandi multinazionali come Google, Pixar e MCDonald’s, non è detto che quella dello CHO sia una figura legata solamente alle realtà internazionali. Non è nemmeno necessario che sia una figura interna all’azienda.

Soprattutto gli ambienti di lavoro più piccoli, infatti, non possono permettersi qualcuno che vi si dedichi esclusivamente e completamente; in questi casi, quindi, è il founder, un manager o il direttore HR a diventare CHO, oppure un consulente esterno che supporta l’azienda senza farne parte al 100%, al fine di trasformarla da organizzazione tradizionale a org+.

cosa fa chief happiness officer

Cosa NON è lo Chief Happiness Officer?

Come si può immaginare, lo CHO non ricopre un ruolo superficiale e teorico, come molti sono portati a pensare. Il suo è un ruolo altamente pratico e strategico, i cui risvolti economici sono tangibili.

Se il lavoratore sta meglio:

  • Produce di più
  • Difficilmente lascia l’azienda (si riduce quindi il tasso di turnover)
  • Supporta la propria azienda in ogni momento della sua quotidianità
  • Attira nuovi talenti dall’esterno, grazie al fatto che la sua soddisfazione inevitabilmente traspare all’esterno e attira nuove persone

Perché lo Chief of Happiness Officer è importante?

Per capire la reale importanza di una figura come quella del CHO in azienda, dobbiamo considerare alcuni dati:

  • L’87% dei dipendenti è demotivato, con conseguente perdita di produttività di 500 miliari (fonte: Gallup)
  • In Italia, il 69% della fascia over 50 si definisce in difficoltà o smarrito (fonte: Valore D e Università Cattolica MI)
  • Il 96% dei leader sperimenta il burnout (fonte: Harvard Medical School)
  • In Europa, 40 milioni di lavoratori soffrono lo stress da lavoro correlato e 84 milioni di persone soffrono di depressione, disturbi d’ansia, dipendente da alcool e droga (fonte: Sole 24 Ore)

Quali sono le conseguenze per le aziende?

  • Perdita di entrate del 32,7%
  • 37% in più di assenteismo
  • 49% di più di incidenti sul posto di lavoro

I vantaggi di affidarsi a uno Chief Happiness Officer

Occuparsi della felicità dei propri dipendenti non è scontato come sembra. Al contrario, possiamo intuire che il riscontro economico sia più concreto che mai.

Trasformando in numeri le attività che si possono fare sui lavoratori, notiamo come l’intervento di uno Chief Happiness Officer possa influire in un’azienda con:

  • Riduzione del 66% dell’assenza da lavoro per malattia
  • Riduzione del 51% dei tassi di turnover
  • Aumento del 37% delle vendite
  • Aumento del 31% della produttività
  • Aumento del 300% della capacità di innovazione
  • Aumento del 44% della retention

Lo CHO influisce sull’azienda perché diffonde dei valori che vengono percepiti, condivisi e promulgati anche dai lavoratori. Inclusività, coerenza, socialità, eco-sostenibilità sono solo alcune delle caratteristiche di un ambiente di lavoro in cui tutti vivono bene e lavorano altrettanto bene.


E lo Chief Happiness Officer trasforma l’azienda in un’organizzazione positiva.

Organizzazioni positive: cosa sono?

Come abbiamo visto, il successo dell’azienda è strettamente correlato alla felicità che si respira al suo interno. In questo senso, il concetto di felicità può includere vari significati e sfaccettature: può equivalere a orari di lavoro flessibili, alla capacità di ascolto di nuove proposte, allo smart working, ecc. La felicità, in riferimento all’azienda, non è più solo un’emozione, ma è una competenza. E, come tale, può essere fatta propria, coltivata e diffusa.

Un’azienda felice è un’organizzazione positiva e diventa un modello culturale in cui i lavoratori si relazionano, crescono e si impegnano per ottenere risultati individuali e collettivi.

Quali competenze deve avere uno Chief Happiness Officer?

Lo Chief Happiness Officer è un leader positivo certificato. Ciò significa che ha ottenuto la certificazione per le 8 competenze chiave che deve aver fatto proprie al fine di avviare la trasformazione positiva dell’azienda.
Uno CHO certificato è coinvolto e coerente nei pensieri e nelle azioni e in grado di onorare il proposito aziendale nel migliore dei modi. È l’Italian Institute for Positive Organisations a rilasciare la certificazione di Chief Happiness Officer. E le 8 competenze appena menzionate sono si riferiscono alle capacità di:

  • Adottare un pensiero strategico e la capacità di sviluppare progetti futuri positivi
  • Dare nuova priorità ai modelli culturali aziendali da incentivare o al contrario disincentivare
  • Avviare una cultura del cambiamento coerente
  • Coltivare il proprio sé e la propria felicità, per essere un esempio coerente
  • Concretizzare un piano di leadership positiva in tutta l’azienda
  • Riorganizzare i processi di gestione delle persone
  • Trasmettere benessere e positività tra dipendenti, fornitori, clienti, ecc.
  • Attuare una strategia per applicare la scienza della felicità sul luogo di lavoro

Oltre alle competenze acquisibili e alla certificazione citata, cosa serve per diventare Chief Happiness Officer? È sicuramente necessario avere delle pregresse skills nei campi di:

  • Risorse Umane
  • Socio-culturale
  • Economico

mansioni chief happiness officer

Come agisce un CHO sull’identità aziendale?

L’intervento che ogni CHO deve portare a termine in azienda si compone di 4 aspetti.

Innanzitutto lo Chief of Happiness Officer deve essere in grado di condurre concretamente l’azienda verso una trasformazione culturale. Si tratta di un processo molto difficile da attuare, che deve coinvolgere tutte le persone, su tutti i livelli.

Ogni azione dello CHO dev’essere mirata alla corporate happiness. Cosa significa? I collaboratori devono essere soddisfatti e, allo stesso modo, ogni attività aziendale deve basarsi su questo concetto. Il responsabile di tutto ciò, colui che rende possibile questo risultato, è proprio lo Chief Happiness Officer.

Altro aspetto fondamentale è il coinvolgimento verso una leadership positiva nei confronti di tutti i titolari o soci dell’azienda interessata. Se anche uno solo non risponde positivamente a questo cambiamento, la trasformazione culturale non si verifica.

In quest’ottica, lo CHO deve trasmettere lo stesso approccio positivo a tutta l’organizzazione.

Quali sono le fasi del suo lavoro in azienda?

Come raggiungere i risultati descritti, rafforzando l’immagine aziendale e rendendola coerente agli occhi esterni? Il lavoro di ogni CHO passa attraverso varie fasi:

  1. Osservare. Entrato in azienda, lo Chief Happiness Officer deve comprendere l’ambiente, le persone, il modo di lavorare e di comunicare. Oltre a vivere l’azienda, raccoglie feedback diretti attraverso sondaggi e colloqui privati e anonimi.
  2. Valutare. Raccolti i dati sufficienti, lo CHO è in grado di individuare le principali criticità e problematiche sia professionali sia personali interne all’azienda.
  3. Definire. Al fine di raggiungere l’obiettivo del benessere emotivo generale, lo Chief Happiness Officer elabora la sua strategia che solitamente comprende l’attuazione di varie misure: dai corsi di formazione agli arredi, dalle attività di team building alle possibilità di carriera.
  4. Analizzare. Dopo alcune settimane, è il momento di tirare le somme. Che benessere ha raggiunto lo staff? Qual è il rendimento economico di questi cambiamenti? Come si sono evoluti i rapporti?
  5. Stallo. È necessario lasciar passare altro tempo, per individuare una possibile ricaduta o lo sviluppo positivo dell’intera organizzazione aziendale.

quanto guadagna chief happiness officer

Qual è lo stipendio di uno Chief Happiness Officer?

Approfondita ogni curiosità sul lavoro, le mansioni, le competenze di uno CHO, non resta che rispondere a una delle domande più scottanti: quanto guadagna uno Chief Happiness Officer?

Partiamo da un presupposto tanto sottovalutato quanto fondamentale. Ad oggi, in tutto il mondo, non ci sono più di 1500 CHO. Tutto questo significa una sola cosa: maggiori possibilità di lavorare e guadagnare.

Negli Stati Uniti, lo stipendio di uno Chief Happiness Officer si aggira intorno ai 126 mila dollari all’anno.

Stando ai dati Glassdoor, il guadagno minimo di uno CHO è di 55 mila dollari annui, mentre il massimo è di 291 mila dollari annui.

Il futuro dello CHO: cosa ci aspetta?

Cosa prevedere per il futuro, per una figura così innovativa e ancora poco diffusa?

Una cosa è certa: fino a tempi relativamente molto recenti, i modelli di business si basavano sul concetto “Ottimizza le prestazioni, senza dar tanto peso alla sensibilità di chi lavora”.

Oggi stiamo finalmente capendo che la vita personale ed emotiva di ogni singolo lavoratore è direttamente collegata alla sua produttività, per cui è necessario e prioritario prendersi cura di lui a tutto tondo.

Se tutto questo non bastasse, ti invitiamo a riflettere su alcune questioni di cui negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso e che influenzano la vita lavorativa di tutti noi, come:

  • Sessismo in azienda
  • Discriminazioni professionali
  • Razzismo personale e professionale

Infine, il Covid. Quante persone, dopo la pandemia, hanno messo in discussione il proprio lavoro perché si sono rese conto dell’impatto che questo aveva sulla qualità di ogni singola giornata?

Quando ci interroghiamo sul futuro di una figura come quella dello Chief happiness Officer e riflettiamo sull’influenza di queste questioni negli ultimi 5 anni, tutto è più chiaro: il suo ruolo si farà sempre più determinante. Soprattutto se consideriamo che, per la nuova generazione di lavoratori, il feedback lavorativo è una leva motivazionale decisamente più importante che per il target degli over 40.

Come diventare CHO… Per un giorno

Mettiti alla prova e osserva in prima persona i risultati.

Chiedi ai tuoi dipendenti, colleghi o soci di rispondere (anche in forma anonima) a queste 3 semplici domande:

  1. Qual era il tuo umore oggi quando hai iniziato a lavorare?
  2. Qual è il tuo umore adesso, mentre stai lasciando il posto di lavoro per andare a casa?
  3. Da 1 a 4, quanto ti è piaciuto quello che hai fatto oggi?

Le risposte, se sincere, ti stupiranno.

Il nostro caso studio: come ridurre il turnover e aumentare l’innovazione in un’agenzia di digital marketing italiana

Vorresti sapere come integrare un Chief Happiness Officer nella tua azienda?

Contattaci senza impegno e ti spiegheremo come fare nei minimi dettagli.

Prenota una consulenza gratuita di 30 minuti per programmare il nuovo benessere delle tue persone.

Se sei un dipendente e vorresti proporre questa iniziativa ai manager della tua azienda, contattaci, li convinceremo noi.

Investi sulle tue persone.
Entriamo in contatto oggi.

haha - happy agency human approach

Non seguirci sui social, usa meglio il tuo tempo